ModaNews

JECKERSON CONTRO IL BULLISMO. CONTINUA L’IMPEGNO SOCIALE

Jeckerson per il sociale.

Il marchio degli iconici jeans customizzati, va contro la piaga del bullismo e insieme alla sua linea Jeckerson Junior rinnova l’impegno nel sociale continuando a collaborare con l’Associazione A.I.P.R.E.B, fondata da Teresa Menes, autrice del libro Andrea – Oltre il pantalone rosa, dedicato al figlio, vittima di vessazioni da parte dei compagni di classe, con un progetto lanciato già lo scorso febbraio e che ha visto il sostegno dell’ onorevole Nunzia Di Girolamo.

Jeckerson - #nobullismo

La campagna organizzata da Jeckerson Junior si chiama #nobullismo e mira a sensibilizzare l’opinione pubblica, soprattutto quella giovanile per informare, educare e puntare al dialogo e all’apertura mentale dell’accettazione e della tolleranza verso il “diverso” o semplicemente verso qualcosa che non conosciamo. Il marchio ha devoluto un cospicuo assegno con i proventi della campagna vendite della collezione autunno-inverno 2017/18, al fine di finanziare attività di prevenzione e sensibilizzazione per i prossimi sei mesi. Tra queste rientra un ciclo di convention organizzate per le scuole, in cui Teresa Menes, affiancata da un team di psicologi, garanti della privacy e personaggi istituzionali, terrà una lezione sugli effetti devastanti del bullismo, avvalendosi di testimonianze reali e portando le sua esperienza personale di madre.

Per Jeckerson e per il Gruppo Casillo che gestisce il marchio e che si occupa di abbigliamento per bambini e teenager da più di trent’anni, è una tematica decisamente importante. Come racconta Carlo Casillo, A.D. del Gruppo Casillo, licenziatario del marchio Jeckerson Junior: “Siamo molto orgogliosi di affiancare A.I.PRE.B in questa iniziativa perché ne condividiamo pienamente la progettualità educativa e siamo certi che questo progetto sarà il primo atto di una duratura e interessante collaborazione”.

Share:

Leave a reply

1 + sette =