DesignUrban

LE TANTE ANIME NEGLI OGGETTI DI DESIGN DI MICHELE IODICE : ‘IPSUMQUE’ A NAPOLI

La galleria delle arti contemporanee Intragallery presenta  in anteprima, ed esclusiva, Ipsumque, progetto di design di Michele Iodice.

La sorpresa del progetto è racchiusa nel nome latino che lo identifica.Ipsumque che letteralmente in italiano vuol dire la stessa cosa fa riferimento alla versatilità dell’oggetto che è contemporaneamente manufatto di uso quotidiano e opera d’arte.

Iodice presenta una serie limitata di vassoi in plexiglas finemente disegnati, un progetto tra il concettuale e il decorativo in cui racchiude tutta la bellezza e il fascino delle sue opere,M.Codognato dice di Iodice: “La stratificazione storica e culturale di Napoli al contrario di quella geologica non avviene per moti orizzontali, per quanto discontinui, ma piuttosto attraverso contaminazioni e trasparenze reciproche e il riciclo di modelli che dall’antichità alla contemporaneità si adattano ingegnosamente e fluidamente agli stimoli e alle esigenze della vita quotidiana. Incarnando questo spirito geniale, le creazioni di Michele Iodice attraversano i secoli, gli stili, le suggestioni e le intuizioni che le hanno prodotte”.

Questa definizione sposa alla perfezione Ipsumque, in quanto, Iodice ci presenta un oggetto della vita quotidiana ma con un grande valore intrinseco, il vassoio è un oggetto legato nell’antichità a usi rituali e religiosi, diventato solo nel ‘700 un articolo di moda e successivamente di design.Un oggetto che nel suo essere racchiude innumerevoli anime.

Per i latini il Satura lanx (vassoio) indica il piatto misto di primizie della terra destinate agli dèi, la sacralità dell’oggetto era legata alla sacralità del contenuto.Iodice, in questo progetto esclusivo, propone l’evoluzione dell’uso del manufatto legandolo alla bellezza del tratto e alla modernità del materiale, va oltre la sua funzione “contenitiva” creando un oggetto esclusivo.

 

Share:

Leave a reply

3 × uno =