Senza categoria

Milan Hipster Index 2019 Le zone più hipster di Milano

Milano, la città fiore all’occhiello del nostro Paese, è una metropoli piena di sfaccettature, colma di zone  hipster, alternative.  Una classifica ci rende l’idea dei luoghi più anticonformisti dopo averla passata ai raggi x per numero di bar, brunch e aperitivi più popolari, di negozi di dischi, club, musei, negozi di tatuaggi e centri yoga.

È ormai almeno un decennio che la capitale economica del nostro Paese è in continua ascesa nonché in un processo di inarrestabile evoluzione: la vocazione della Milano odierna sta nel reinventare zone urbane in passato simbolo finanche di degrado, trasformandole, al contrario, in aree attrattive di aggregazione sociale con bar, negozi, ristoranti, cinema d’essay e centri yoga e sportivi. A ciò si aggiunge l’attitudine alla contaminazione di zone storicamente appartenenti alla Milano bene tramite un deciso tocco alternativo e, a tratti, anticonformista.

Le zone più hipster: conferme e sorprese

Chi vive o frequenta questa Milano in continuo divenire sa bene che ciò è trendy oggi, potrebbe non esserlo tra un anno, e ciò che non attirava l’attenzione in passato, può essere attualmente di assoluta tendenza. La nostra graduatoria vede Porta Venezia in testa: la zona più LGBT-friendly di Milano (con tanto di bandiera arcobaleno nella metro a sottolinearlo), ottiene il punteggio massimo per 6 criteri su 7, con Porta Ticinese, seconda nella classifica generale, a superarla solo per quanto riguarda i negozi di dischi (da segnalare, a tal proposito, il “Serendeepity”, dall’imperdibile tocco vintage).

Sul gradino più basso del podio c’è Isola, che da area periferica è sbocciata in tutto e per tutto, confermandosi un punto di riferimento assoluto: nella nostra graduatoria ottiene ottimi punteggi non solo per brunch e aperitivi, ma anche per il numero e la qualità dei suoi centri yoga. Porta Genova si piazza al quarto posto mentre, a pochissimi punti di distanza e in quinta posizione troviamo NoLo: sulla scia di Isola anche questa zona, un tempo periferia, è sempre più attrattiva in particolar modo giovani e giovanissimi. L’ormai ben nota “Salumeria del Deisgn” è un must-see assoluto per chiunque voglia bere qualcosa cogliendo lo spirito di quest’area, così come il cinema d’essay “Beltrade” per gli amanti della settima arte.

 

Brunch e aperitivi dall’atmosfera più hipster

Che Porta Venezia guidi la classifica in fatto di brunch e aperitivi, non è per nulla un caso: in quest’area, infatti, si possono apprezzare localini deliziosi come “Il Picchio”, prototipo della Milano che non ti aspetti: una volta entrati qui sarà un po’ come essere teletrasportati in un baretto della provincia del sud Italia degli anni ‘80, con lo stesso calore e la stessa atmosfera amichevole e rilassata. “Leccomilano”, poi, oltre ad offrire un ottimo aperitivo a buffet, è frequentatissimo dalla comunità LGBT-friendly, fino ad arrivare allo storico “Bar Basso”, celebre per aver dato vita al “negroni sbagliato”, cocktail noto in tutto il mondo qui gustabile nella sua ricetta originale degli anni ’80.

E se Porta Venezia guida, Isola non è comunque da meno, piazzandosi al secondo posto in questa sottocategoria: il “Frida” è forse il maggior simbolo di questa zona cittadina davvero speciale, trovandosi in un’ex-area industriale che vive oggi una seconda esistenza caratterizzata da un’atmosfera culturale e alternativa, con un aperitivo delizioso e prezzi di cocktail decisamente accessibili; altra chicca di Isola è il “Deus Café” dove poter gustare un ottimo aperitivo immersi in un universo fatto di moto, biciclette, tavole da surf e moda vintage. In zona Sarpi, inoltre, segnaliamo “oTTo”, bar avvolto da luci e colori dove poter passare attimi piacevoli quale che sia il momento della giornata, dalla colazione all’happy hour o anche solo per un caffè; da “oTTo” a “Cantine Isola” il passo è breve: posto frequentato dall’hipster un po’ intellettuale e amante del buon vino, merita senz’altro una capatina.

Terza piazza in questa sottocategoria per Porta Ticinese, nei pressi della quale si trova “Lacerba”, altro posto imperdibile dove ritrovare non solo l’atmosfera futurista degli esordi, ma anche un deciso tocco vintage che ben si concilia con l’universo hipster.

I ristoranti più popolari e apprezzati di Milano

Mangiare fuori nella Milano che interpreta lo spirito del tempo, significa essenzialmente tre cose: cucina regionale italiana e cucina etnica, cui si aggiunge quella vegana e vegetariana. La cucina regionale è ben rappresentata da pizzerie o ristoranti in origine nati in altre città del Paese ma che hanno aperto nuovi locali all’ombra della Madunina (ad esempio “Sorbillo” in zona Duomo e a Porta Genova), ma anche da trattorie con ottimo rapporto qualità-prezzo. Circa la cucina etnica, conseguenza dell’accoglienza riservata da decenni a generazioni provenienti da ogni angolo di mondo, non c’è che l’imbarazzo della scelta: dal Ramen di “Casa Ramen” ad Isola o di “Zazà Ramen” in Brera, al sushi brasiliano di “Temakinho”, passando per “Jubin” in Sarpi noto per i prezzi decisamente accessibili e arrivando a “Warsà”, ristorante eritreo, o al sushi giapponese di “Poporoya”, entrambi a Porta Venezia.

La Milano sui generis: hipster totale!

Ci sono poi luoghi speciali che rendono questa città meravigliosamente unica, come la “Balera dell’Ortica”, una balera con bocciofila frequentata non solo da pensionati come l’immaginario suggerirebbe, bensì soprendentemente anche da giovani e giovanissimi. Meritano una visita, poi, l’“East Market Navigli” e l’”ex-Fiera di Senigallia”, mercatini dell’usato di vera tendenza, tanto che artisti di fama nazionale e non solo, scelgono in questi luoghi milanesi i loro look con cui presentarsi al grande pubblico in occasioni importanti. Cosa c’è, inoltre, di più hipster di un karaoke cinese in zona Sarpi? Recandosi a KTV, sarà possibile vivere l’atmosfera di una terra lontana aperta a tutti. E per gli amanti dei negozietti vintage, segnaliamo Ambroeus, vicino Isola, dove è possibile trovare qualsiasi cosa, anche oggetti non più in commercio da anni o decenni

 

Ricerca by  HomeToGo, il più grande meta-motore di ricerca al mondo di case e appartamenti vacanza.

Share:

Leave a reply

quattro × due =